Vino
Degustazione d'Oltrepo
fra scienza e sensi


L'Oltrepo in un bicchiere
Con Mario Maffi alla scoperta
dei vini dell'Oltrepo Pavese


Storie di vino e Oltrepo
Dai romani verso il futuro un percorso
di qualità e consapevolezza

Vino: istruzioni per l'uso
Le facili regole per bere bene
e i segreti per bere meglio

Divertirsi in cantina
Le facili regole per bere bene
e i segreti per bere meglio


Prosit!
Alla vostra salute

Sacro e profano
Il vino come metafora
tra peccato e virtù


Le aziende vitivinicole
Assaggi e scoperte,
il fascino e la cultura del bere...


Il Consorzio Tutela Vini
Il Consorzio Tutela vini O.P.,
nato nel 1961, è l'organismo...


Le DOC
Sono 16 i nomi che significano
eccellenza: sinonimo di una qualità...





E' a settembre, durante la vendemmia, che l'Oltrepo sublima la propria bellezza: l'estate ha solo preparato il terreno per quello che nel tempo della raccolta è un'esultanza di viola, di giallo paglierino e di verde, ovvero l'uva nei cesti. E' il muoversi di mille teste chinate sul lavoro; di trattori carichi di frutto che si spostano sulle strade scoscese dei pendii; di saluti dai campi dove è già il momento del confronto e dello scambio di opinioni sul raccolto e sul vino nuovo.

La tarda estate è il miglior momento per convincersi che l'Oltrepo - "la terra a forma di grappolo d'uva" - è davvero terra di vino. Dalla prima mattina fino al tramonto, quando le giornate già si stanno accorciando, e si comincia a sentire l'avvicinarsi dell'autunno, ogni gesto, in campagna, assume il tratto del rituale e, come tale, ha bisogno di tempi, che si prolungheranno fino all'estate successiva: dalla vigna alla cantina, perché solo il tempo permette che l'opera di tanto lavoro passi in un bicchiere da degustazione o su di una tavola imbandita.
Ogni bottiglia di Oltrepo è, infatti, il risultato di attese che durano stagioni, e di qualità ricercata negli anni, attraverso la selezione delle uve e dei vitigni: come redazione di Oltreweb possiamo parlarvi del vino come espressione culturale della terra che lo produce, possiamo parlarvi di incontri sensoriali, delle suggestione di un vigneto e del profumo di una cantina. Quello che ci riesce difficile è spiegarvi le tecniche, lo studio attento, le strategie e le scelte che fanno sì che quella determinata vigna sia il meglio che quella terra può creare, che quell'anno sia stato il migliore. Per questa ragione abbiamo pensato di lasciare alle autorità competenti - enologi, sommelier e viticoltori - che del vino fanno vita e passione, il compito di spiegarvi tutto ciò che in materia c'è da sapere. Chissà che queste parole non possano guidarvi a scegliere, per una volta, di venire in collina anziché fermarsi alla solita enoteca...
 
   
         
       
    © 1998-2004. AB&A studios.
Tutti i diritti sono riservati.