Vino
Degustazione d'Oltrepo
fra scienza e sensi


L'Oltrepo in un bicchiere
Con Mario Maffi alla scoperta
dei vini dell'Oltrepo Pavese


Storie di vino e Oltrepo
Dai romani verso il futuro un percorso
di qualità e consapevolezza

Vino: istruzioni per l'uso
Le facili regole per bere bene
e i segreti per bere meglio

Divertirsi in cantina
Le facili regole per bere bene
e i segreti per bere meglio


Prosit!
Alla vostra salute

Sacro e profano
Il vino come metafora
tra peccato e virtù


Le aziende vitivinicole
Assaggi e scoperte,
il fascino e la cultura del bere...


Il Consorzio Tutela Vini
Il Consorzio Tutela vini O.P.,
nato nel 1961, è l'organismo...


Le DOC
Sono 16 i nomi che significano
eccellenza: sinonimo di una qualità...




Consorzio: le tappe di una lunga storia

1960
Nasce il Consorzio Vini Tipici.
PRESIDENTE: Alberto Ricevuti.

Missione: accertare la produzione globale di vino tipico e pregiato ottenuta annualmente nella zona di produzione; vigilare affinché non si mettano in vendita con nome di vini tipici e pregiati vini che non siano prodotti nel territorio del Consorzio e che non abbiano le caratteristiche fissate.

1977
Nasce il Consorzio Volontario Vini a Denominazione di Origine Controllata Oltrepò Pavese.
PRESIDENTE: Antonio Giuseppe Denari.

Missione: proteggere la Denominazione da ogni contraffazione, far crescere e progredire l'ampia gamma di produzioni enologiche locali di qualità. L'Oltrepò del vino diventa faro italiano dell'enologia. Cresce la spumantizzazione.

1994
Il logo diventa il Signore del Brio, l'attenzione su vini briosi e spumanti, lo slogan «Oltrepò Pavese, dove il vino è gioia».
PRESIDENTE: Antonio Mangiarotti.

Missione: il Consiglio vuole rappresentare, anche graficamente, in modo più evidente e marcato, la peculiare vocazione dell'Oltrepò Pavese nella produzione dei suoi tipici vini briosi e dei non meno preziosi vini spumanti.
Si vuole sottolineare il benessere che dà il vino, la gioia e il piacere che regalano vini di qualità. Lo slogan diventa «Oltrepò Pavese, dove il vino è gioia».

1999
PRESIDENTE: VIttorio Ruffinazzi.

Missione: far crescere la qualità assoluta e percepita delle produzioni, rafforzare ancora la tracciabilità all'interno della filiera come miglior garanzia a tutela dei consumatori. S'impostano strategie a lungo termine per portare anche le Cantine sociali a guardare a un futuro di alleanze e grandi numeri.

2008
PRESIDENTE: Giuliano Pozzi.

Missione: ascoltare le esigenze delle singole aziende, far ripartire un dialogo ancor più forte con il Consorzio. In un momento di grandi trasformazioni i vertici consortili reinvestono sulla comunicazione con e fra i soci per assisterli al meglio. A Vinitaly, nel padiglione Lombardia, si brinda con le prime bollicine rosa che saranno "Cruasé".

2009
PRESIDENTE: Paolo Massone (primo presidente viticoltore nella storia del Consorzio).

Missione: far crescere in Italia e nel mondo il nuovo marchio collettivo "Cruasé", bollicine rosa Docg da Pinot nero, il nuovo volano della vitivinicoltura in provincia di Pavia. Il Consorzio si appresta al cinquantenario puntando sul vino edonistico, forte di 3mila ettari di Pinot nero in produzione. Si vuole scomettere in modo convinto su comunicazione, interattività, ristorazione ed export.

2010
Cinquantenario: la nuova immagine per rilanciare la tradizione.

www.vinoltrepo.it

 
   
         
       
    © 1998-2004. AB&A studios.
Tutti i diritti sono riservati.